MACCO DI FAVE

macco-035

Per il giorno di S. Giuseppe la tradizione siciliana impone la preparazione del macco di fave che prevede l’ammollo delle fave secche per almeno 12 ore. Il macco di fave è un piatto povero ma ricco di gusto grazie alla presenza del finocchietto selvatico che non a caso in questo periodo è in piena vegetazione.

Il macco di fave se preparato in abbondanza diventa un ottimo antipasto il giorno dopo se tagliato a quadratini e fritto.

Ingredienti:

  • 300 gr. fave secche sgusciate
  • 1 grossa cipolla bianca
  • un mazzo di finocchietto
  • 150 gr. spaghetti sminuzzati
  • olio extravergine di oliva
  • pepe nero (facoltativo)

macco-006Tenete in ammollo le fave secche sgusciate per almeno 12 ore, dopodiché risciacquatele sotto l’acqua corrente e ponetele in pentola insieme alla cipolla ridotta a tocchetti, il finocchietto, acqua fino a ricoprire il tutto e il sale sufficiente. Il macco di fave dovrà restare in cottura fintanto che le fave si sbriciolano assumendo un aspetto cremoso.. 

macco-010 macco-022

A cottura avvenuta potete scegliere due alternative:

- consumare il macco di fave con l’aggiunta di olio extravergine di oliva e pepe nero.

- aggiungere gli spaghetti sminuzzati fino a cottura prevedendo in questo caso una maggiore quantità di acqua a inizio cottura, completando con l’aggiunta di  olio extravergine di oliva. 

macco-035

Arista agli agrumi

arista-agrumi-15

L’arista agli agrumi è un secondo piatto che riporta alle tradizioni della cucina siciliana, adatto nei menù delle feste e non solo.

Ingredienti:

  • 1200 gr. arista di maiale in un solo pezzo
  • 150 gr. pancetta arrotolata
  • 1 limone
  • 2 arance
  • spago per alimenti

Tagliate a fette regolari l’arista lasciandola intera alla base,

arista-agrumi-5

inserite la pancetta e una fetta di arancia tra la prima e la seconda fetta di arista, e la pancetta e una fetta di limone tra la seconda e la terza fetta di arista. Proseguite alternando l’arancia e il limone insieme alla pancetta per ogni fetta seguente.

arista-agrumi-7

Fissate le fette di arista con due spiedini in legno e poi legatela con lo spago affinché durante la cottura le fette rimangano compatte.

arista-agrumi-9

In una pirofila da forno spremete il succo di un’arancia e mescolatelo a un cucchiaio di olio e appena un poco di sale (la pancetta insaporirà la carne), adagiate l’arista nella pirofila ed irroratela con il liquido ottenuto prima di passarla in forno per la cottura.

arista-agrumi-12

Seguite la cottura irrorando di tanto in tanto con il succo di arancia integrandolo se il fondo di cottura non fosse sufficiente.

arista-agrumi-13

A fine cottura eliminate spago e spiedini, definite il taglio di ogni fetta e sistemate su piatto di portata che decorerete con fette di arancia e di limone.

arista-agrumi-15 arista-agrumi-18

 

Alberelli di pasta sfoglia

alberelli-pasta-sfoglia_084 Per rendere più gioiosa la tavola di Natale questi alberelli di pasta sfoglia si preparano con pochi ingredienti e poche semplici mosse. Le immagini fotografiche illustrano esaurientemente i passaggi per realizzare gli alberelli di pasta sfoglia.

Ingredienti per 8 alberelli:

  • 1 rotolo pasta sfoglia rettangolare
  • 100 gr. mortadella o prosciutto o speck
  • 1 uovo per spennellare
  • spiedini in legno

Stendete il rotolo di pasta sfoglia e sovrapponete la mortadella coprendo tutta la superficie,     alberelli-pasta-sfoglia_060ripiegate la sfoglia su se stessa e segnate ai due lati i punti di riferimento per poter ottenere delle strisce tutte uguali servendovi di una guida durante il taglio. alberelli-pasta-sfoglia_061alberelli-pasta-sfoglia_062 alberelli-pasta-sfoglia_067 Ripiegate le strisce formando gli alberelli di pasta sfoglia che bloccherete al centro con degli spiedini di legno. alberelli-pasta-sfoglia_069 Adagiate gli alberelli di pasta sfoglia su una teglia rivestita di carta forno, alberelli-pasta-sfoglia_073 spennellate gli alberelli di pasta sfoglia con l’uovo sbattuto e fate cuocere in forno 170° fino a doratura degli alberelli. alberelli-pasta-sfoglia_076 Per la presentazione io ho utilizzato una mela sulla quale ho infilzato gli alberelli di pasta sfoglia. alberelli-pasta-sfoglia_081alberelli-pasta-sfoglia_082 alberelli-pasta-sfoglia_084

tortine al limone

tortine-limonotta_057

L’idea delle tortine al limone nasce da una ricetta pubblicata da Rossella  con il nome di “torta limonotta”, si prepara velocemente, è molto facile da fare. Infatti per preparare le tortine al limone basterà sbucciare i limoni facendo attenzione a eliminare bene anche la parte bianca, e poi tagliandoli a pezzetti versarli nel frullatore insieme a tutti gli altri ingredienti ricavando così semplicemente l’impasto da portare a cottura. Potrete optare per la preparazione di una torta da offrire a fette oppure di tortine al limone monoporzione, come da immagini seguenti.

Ingredienti:

  • 150 gr. farina 00
  • 125 gr. zucchero
  • 100 gr. burro
  • 1 uovo + 1 tuorlo
  • 1/2 busta lievito per dolci
  • 2 limoni
  • 2 cucchiai di limoncello

 

Versate nel frullatore i limoni tagliati a pezzetti dopo aver eliminato con cura la buccia e la parte bianca che potrebbe conferire un gusto amarognolo al dolce, aggiungete tutti gli altri ingredienti e azionate il frullatore per un paio di minuti. 

tortine-limonotta-048

 

Distribuite l’impasto nelle formine da muffin (io le ho rivestite con pirottine di carta) che passerete in forno 180° fino a cottura (circa 15 minuti) che sarà più breve rispetto alla cottura in unica tortiera. 

Con queste dosi ho ottenuto 14 tortine al limone.

tortine-limonotta_051

A fine cottura estraete le tortine e cospargetele di zucchero al velo e volendo decorare a vostro piacimento, io poiché le ho preparate in questi giorni ho voluto dare un tocco natalizio. 

Delizierete i vostri ospiti con queste morbide tortine al limone dal gusto leggermente agrodolce che conquisterà al primo assaggio.

tortine-limonotta_055

tortine-limonotta_057

Bauscotti

biscotti-8

Con una formina per biscotti a forma di cuore realizzerete i Bauscotti, dei biscotti che riproducono la testa di un cane bassotto che saranno apprezzati dai vostri bambini. Ho indugiato a pubblicare questa ricetta per qualche immagine poco chiara per cui mi proponevo di rifare le foto in una successiva preparazione che per mancanza di tempo non ho potuto ripetere. Spero di essere utile per allietare le feste dei vostri piccoli.

Ingredienti.

per l’impasto chiaro:

  • 175 gr. farina 00
  • 60 gr. zucchero
  • 60 gr. burro
  • 1 uovo

per l’impasto scuro:

  • 150 gr. farina 00
  •  25 gr. cacao amaro
  •  70 gr. zucchero
  •  60 gr. burro
  •  1 uovo

latte per spennellare l’unione dei 2 biscotti

10 gr. cioccolato fondente per decorare i Bauscotti

Preparate i due impasti che farete riposare in luogo fresco per 30 minuti

biscotti-1 biscotti-2 biscotti-3 biscotti-4

Stendete gli impasti allo spessore di 4 mm circa e incidete i cuoricini  

biscotti-5 biscotti-6

Adagiate su carta forno i cuori chiari capovolti e, come da immagine seguente, incastrate i cuori scuri che avrete inciso leggermente per formare le orecchie. Attaccate le due parti spennellandole con latte.

Cottura in forno 180° per 5/10 minuti (i tempi di cottura variano da forno a forno)

biscotti-7

Appena i biscotti si saranno raffreddati sciogliete a bagnomaria o al microonde il cioccolato fondente e con l’aiuto di uno stuzzicadenti decorate i Bauscotti.

biscotti-9

Porcellini di pasta sfoglia

porcellini25

I porcellini di pasta sfoglia saranno molto apprezzati dai vostri bambini e allieteranno le loro feste. Se siete particolarmente brave potrete preparare la sfoglia con le vostre mani, diversamente potrete utilizzare il rotolo di sfoglia fresca in vendita nei supermercati. Sono divertenti e facili da preparare, quindi un’occasione per coinvolgere i bambini durante la preparazione.

 

Ingredienti:

porcellini03

  • 1 rotolo di pasta sfoglia
  • 100 gr. formaggio (provola o altro)
  • 50 gr. prosciutto cotto
  • bacche di ginepro
  • latte q.b.

 

Srotolate il rotolo di pasta sfoglia e con l’aiuto di un coppapasta o di un bicchiere dai bordi sottili tagliate dei cerchi in numero pari (io ne ho ricavati 14 per preparare 7 maialini) e dei cerchietti piccoli che serviranno per realizzare il grugno del maialino.

porcellini07

Su metà dei cerchi grandi ponete pezzettini di formaggio (io ho usato Galbanino, ma va bene anche la provola o altro purché non sia mozzarella perché troppo acquosa.

porcellini10

Sovrapponete l’altro cerchietto di pasta sfoglia facendo attenzione a sigillare bene i bordi dopo averli spennellati con il latte.

porcellini11

porcellini14

Capovolgete i cerchi imbottiti ed applicate nella parte bassa del cerchio i cerchietti aiutandovi con una pennellata di latte.

porcellini17

Ricavate dei triangolini di sfoglia per creare le orecchie e applicatele nella parte superiore del cerchio.

porcellini18

Pennellate con il latte tutta la superficie, incidete il grugno con 2 tagli verticali e applicate 2 bacche di ginepro nella zona tra grugno e orecchie per creare gli occhietti del maialino.  

porcellini20

Fate cuocere in forno 175° per circa 20 minuti o fintanto che la pasta sfoglia assume un bel colore dorato.porcellini22

porcellini23

Ed ecco pronti i maialini per la gioia dei vostri bambini che per gustarli dovranno pazientare un poco per evitare di scottarsi. 

porcellini25

Macco di piselli e finocchietto

macco-piselli-10

Nella tradizione siciliana quando si parla di macco solitamente si allude a quello di fave, il macco di piselli e finocchietto è meno conosciuto ma non ha nulla da invidiare a quello di fave. Pur essendo  una pietanza povera è ricca di gusto e particolarmente nutriente. Al macco di piselli solitamente si abbina lo spaghetto spezzettato, ma può essere utilizzato qualunque formato piccolo di pasta.

Ingredienti:

  • 500 gr. piselli secchi decorticati
  • 1 grossa cipolla
  • 1 mazzetto di finocchietto selvatico
  • 200 gr. spaghetti spezzettati
  • olio extravergine di oliva
  • pepe nero

Dovrete mettere in ammollo i piselli secchi decorticati per 10/12 ore prima di procedere alla cottura.

macco-piselli-1

macco-piselli-2

Affettate una grossa cipolla, tritate il finocchietto selvatico e riuniteli in una pentola insieme ai piselli ammollati, il sale occorrente e l’acqua fino a superare la superficie degli ingredienti. Procedete alla cottura che si protrarrà per 1 ora circa, fintanto che il tutto si trasforma in crema, per dimezzare il tempo di cottura ho preferito utilizzare la pentola a pressione.

macco-piselli-3

macco-piselli-4

macco-piselli-5

 

Quando i  piselli si saranno disfatti aggiungete gli spaghetti spezzettati e se necessario anche dell’acqua calda quel tanto che basta per raggiungere la giusta cremosità tenendo conto che il macco di piselli si solidifica man mano che si raffredda. Durante la cottura sarà necessario mescolare continuamente per evitare che il macco si attacchi sul fondo.

A fine cottura completate con del pepe nero e un filo di olio extravergine di oliva.

macco-piselli-6macco-piselli-7macco-piselli-9macco-piselli-10 Se la dose cucinata risulta abbondante si può versarlo in una teglia, appiattirlo e quando raffreddandosi si indurisce tagliarlo a bocconcini, infarinarlo e friggerlo.

macco-piselli-11

Fegato alla veneziana

 

fegato-alla-veneziana-42

Non a tutti è gradito il sapore del fegato, ma diventa gradevolissimo se cotto alla veneziana e con una variante (ereditata dalla cucina della mia famiglia) che consiste nell’aggiunta dell’alloro che lo rende particolarmente digeribile e gustoso. Una ricetta da provare per ricredersi.

Ingredienti:
fegato-alla-veneziana-01

  • 700 gr. fegato di vitello
  • 1 grossa cipolla
  • vino bianco
  • foglie di alloro
  • olio extravergine di oliva

 

 

 

Fate stufare la cipolla con 2 cucchiai di olio, e appena questa si sarà appassita aggiungete il fegato tagliato a piccoli pezzi ed alcune foglie di alloro.

fegato-alla-veneziana-08

fegato-alla-veneziana-12

fegato-alla-veneziana-10

fegato-alla-veneziana-15

fegato-alla-veneziana-21

Sfumate con mezzo bicchiere di vino bianco e fate proseguire la cottura a tegame coperto per pochi minuti. Il fegato non richiede lunga cottura.

fegato-alla-veneziana-26

fegato-alla-veneziana-28fegato-alla-veneziana-29

Servite il fegato subito evitando di riscaldarlo perché potrebbe indurirsi, va bene anche se consumato a temperatura ambiente.

fegato-alla-veneziana-44

TORTA ROCHER

torta-rocher-70 La torta rocher è un dolce particolarmente goloso che prendendo spunto dal famoso ferrero rocher, che tutti conosciamo, ci delizia con il suo gusto al cioccolato e nocciole. La sua preparazione richiede un po’ di tempo ma è di facile esecuzione e quindi realizzabile anche dai meno esperti.

Ingredienti

torta-rocher-45

Per la base:

  • 2 uova
  • 100 gr. zucchero
  • 130 gr. farina
  • 75 gr. latte
  • 75 gr. olio di semi
  • 100 gr. cioccolato fondente
  • 50 gr. nocciole tritate
  • 8 gr. lievito per dolci

 

Per farcia e copertura:

  • 250 gr. cioccolato fondente
  • 30 gr. burro
  • 60 gr. nocciole tritate

e infine:

  • alcune nocciole intere per decorare (facoltativo)
  • tortiera cm. 20

Montate le uova con lo zucchero e aggiungete il latte e l’olio di semi (consiglio quello di semi di girasole)

torta-rocher-47

torta-rocher-49Dopo aver incorporato latte e olio, aggiungete la farina miscelata con il lievito per dolci e le nocciole tritate.torta-rocher-50

Infine incorporate il cioccolato fuso a bagnomaria o nel microonde evitando di far raggiungere elevate temperature che danneggerebbero il cioccolato.

torta-rocher-52

Trasferite il composto ben amalgamato in una tortiera 20 cm di diametro possibilmente a cerniera che passerete in forno 180° per 30 minuti circa. torta-rocher-54

Preparate la farcia e copertura facendo sciogliere 250 gr. di cioccolato fondente con 30 gr. di burro e incorporate 60 gr. di nocciole tritate. Dividete in due dischi la base di torta ottenuta e farcitela con una parte di cioccolato misto a granella di nocciole.torta-rocher-62

    Rivestite tutto l’esterno della torta rocher con il rimanente cioccolato.torta-rocher-63               torta-rocher-64

Potrete decorare la superficie della torta rocher con delle nocciole intere (come nella foto in alto), lasciando rapprendere il cioccolato in ambiente fresco prima di servire la torta rocher.torta-rocher-71

Le marmellate e confetture di Anna Maria

Rompo un lungo silenzio perché oggi è stato per me un giorno speciale, è servito a rialzare il mio morale che da qualche tempo è in sofferenza.

E’ iniziata la giornata con un messaggio e una mail che mi preannunciavano una sorpresa, ed è stata una grande e inaspettata sorpresa da parte di un’amica acquisita qualche anno fa attraverso il blog (argomento marmellate e confetture) con la quale è nato subito un feeling di quelli che ti sembra che l’amicizia ci sia sempre stata. L’amica è Anna Maria (… la romana de Roma come ama definirsi lei) che con grande sensibilità ha pensato di omaggiarmi di un campione di ogni sua preparazione di marmellate, confetture, composte e gelatine, il tutto accompagnato da una lettera che mi ha destato una profonda commozione, e si! perché Anna Maria è una persona speciale, estremamente sensibile che ha saputo cogliere il momento giusto per indurmi a uscire dal letargo.

Questo post nasce dalla voglia di dimostrare ad Anna Maria la gratitudine che provo nei suoi confronti e per dirle pubblicamente che sono orgogliosa di averla amica. E per rendere partecipi coloro che mi seguono e che reclamavano la mia non presenza, pubblico le foto di quanto ricevuto oggi preparato con cura e maestria dalla carissima e brava Anna Maria.

WP_20150226

WP_20150226_2

WP_20150226_1

WP_20150226_3

WP_20150226_5

WP_20150226_6

WP_20150226_4

WP_20150226_7

WP_20150226_9

WP_20150226_8

WP_20150226_10

 

Grazie ancora Anna Maria da parte mia e di Nicola, a presto!